G.R.I.S. Taranto

Gruppo di ricerca e di informazione socio religiosa

Pregare per la Chiesa

“Si può custodire la Chiesa, si può curare la Chiesa e noi dobbiamo farlo con il nostro lavoro, ma il più importante è quello che fa il Signore: è l’Unico che può guardare in faccia il maligno e vincerlo.

Viene il ‘principe del mondo’, contro di me non può nulla: se vogliamo che il principe di questo mondo non prenda la Chiesa nelle sue mani, dobbiamo affidarla all’Unico che può vincere il principe di questo mondo.

 E qui la domanda: noi preghiamo per la Chiesa, ma per tutta la Chiesa? Per i nostri fratelli che non conosciamo, dappertutto nel mondo? E’ la Chiesa del Signore e noi nella nostra preghiera diciamo al Signore:

Signore, guarda la tua Chiesa… E’ tua. La tua Chiesa sono i nostri fratelli.

Questa è una preghiera che noi dobbiamo fare dal cuore, sempre di più”

Papa Francesco

http://www.news.va/it/news/papa-francesco-tutti-devono-pregare-per-la-chiesa

Annunci

03/05/2013 Posted by | Documenti | , | Lascia un commento

Internet ed Esoterismo – Conferenza

Il G.R.I.S. (Gruppo di Ricerca ed Informazione Socio-religiosa) dell’Arcidiocesi di Taranto organizza un incontro pubblico sul tema

Internet ed Esoterismo

astrologia

il giorno

Venerdi` 15 Marzo alle ore 19:00

presso la

parrocchia “San Giovanni Battista” di Monteiasi (Taranto).

Relatori:

Ing. Daniele Santese – G.R.I.S. Taranto

Sac. Ciro Marcello Alabrese – Ass. Spirituale del G.R.I.S. Taranto e Vicario Episcopale per la Scuola e la Catechesi per la Diocesi di Taranto

13/03/2013 Posted by | Conferenze 2013 | Lascia un commento

Interrogazione parlamentare Coordinamento Nazionale fuoriusciti testimoni di Geova

Interrogazione parlamentare Coordinamento Nazionale fuoriusciti testimoni di Geova

Trascrizione del resoconto della Commissione Affari Costituzionali della Camera
– Testimonianze di Patrizia Santovecchi e Adriano Fontani –
CAMERA DEI DEPUTATI – XV LEGISLATURA
Resoconto della I Commissione permanente
(Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni)

COMMISSIONE I AFFARI COSTITUZIONALI, DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO E INTERNI
Resoconto stenografico

INDAGINE CONOSCITIVA
Seduta pomeridiana di lunedì 16 luglio 2007

PRESIDENZA DEL PRESIDENTE LUCIANO VIOLANTE
La seduta comincia alle 14,05.
(La Commissione approva il processo verbale della seduta precedente).
Sulla pubblicità dei lavori.

PRESIDENTE. Avverto che la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata anche attraverso l’attivazione di impianti audiovisivi a circuito chiuso e la trasmissione televisiva sul canale satellitare della Camera dei deputati.

Audizione di rappresentanti dell’Osservatorio nazionale abusi psicologici.

PRESIDENTE. L’ordine del giorno reca, nell’ambito dell’indagine conoscitiva in materia di libertà religiosa, l’audizione di rappresentanti dell’Osservatorio nazionale abusi psicologici, in particolare di Patrizia Santovecchi, presidente dell’Osservatorio nazionale, che è accompagnata dal vicepresidente dell’associazione. Vorremmo apprendere dai nostri auditi, ai quali do la parola, in che cosa consista il loro lavoro e in che modo possano esserci utili del rispetto al provvedimento sulla libertà religiosa.

PATRIZIA SANTOVECCHI, Presidente dell’Osservatorio nazionale abusi psicologici. Il nostro è anzitutto un lavoro di ricerca e di informazione e, in secondo luogo, di sostegno per le persone e i familiari che si sentano – usando un termine improprio (non essendovi una norma che contempli tale fattispecie) – manipolate dai vari leader e gruppi pseudo-religiosi, da santoni, da maghi e via elencando. L’esperienza più che decennale ci ha indotto a constatare l’elevato numero di persone che si dichiarano truffate o manipolate da questi gruppi pseudo-religiosi e dei familiari che denunciano il radicale cambiamento del proprio congiunto, divenuto irriconoscibile, con diversi usi e costumi, sino a dimostrarsi ostile nei riguardi di una famiglia che fino a poco tempo prima amava e rispettava.

Continua a leggere

13/01/2013 Posted by | Testimoni di Geova | , , , , | Lascia un commento

Police inquiry over Jehovah’s Witness magazine ‘mentally diseased’ article

Detectives are investigating whether the article, published in July’s edition of The Watchtower, is in breach of Britain’s religious hatred laws.

The article, published in the magazine which is distributed by Jehovah’s Witnesses across the globe, reportedly warned followers to avoid “false teachers” which it condemned as being “mentally diseased”.

Police inquiry over Jehovah's Witness magazine 'mentally diseased' article

“Suppose that a doctor told you to avoid contact with someone who is infected with a contagious, deadly disease,” part of the article stated.

“You would know what the doctor means, and you would strictly heed his warning. Well, apostates are ‘mentally diseased’, and they seek to infect others with their disloyal teachings.”

A group of former Witnesses, based in Portsmouth, have made an official complaint to Hampshire Police about the article. Police have launched an investigation.

Source and complete article on: http://www.telegraph.co.uk/news/religion/8791196/Police-inquiry-over-Jehovahs-Witness-magazine-mentally-diseased-article.html#

13/01/2013 Posted by | Testimoni di Geova | Lascia un commento

Testimoni di Geova e Università

Fonte:  http://www.infotdgeova.it/varie/losch.php

Immagine tratta dall'articolo "Considerate la fine di poi" - LaTorre di Guardia del 1° settembre 2008 p. 10

Immagine tratta dall’articolo “Considerate la fine di poi” – LaTorre di Guardia del 1° settembre 2008 p. 10

Il punto di vista del Corpo Direttivo
sull’istruzione universitaria

Il 22 maggio 2005, ad un’assemblea speciale di un giorno tenuta a Monza, Gerrit Lösch, membro del Corpo Direttivo (CD) dei Testimoni di Geova ha parlato fra l’altro di istruzione superiore ed università. Questa è la trascrizione della parte del discorso in cui Lösch tratta tale argomento.

Discorso di Gerrit Lösch, membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova

Se frequentate l’università o meno potrebbe essere un riflesso della vostra fede o mancanza della vostra fede e indicare se avete veramente in mente la prossimità della grande tribolazione. Un fatto rimane indiscusso: il tempo rimasto è ridotto come disse Paolo primo Corinti sette, ventinove.
…………
Se state attualmente frequentando l’università perché non riflettete in preghiera di smettere e di fare qualcosa di meglio? Ma per noi che siamo desti al significato degli avvenimenti mondiali, alla luce della profezia biblica, ci sono ragioni assai più valide per non mettere al primo posto nella vita una carriera mondana.
Potremmo paragonarci ad una persona che vede un edificio con un cartello: “Questa ditta chiude per cessata attività”. Andreste a cercare lavoro lì? Naturalmente, no! E se lavorassimo per tale ditta cercheremmo, saggiamente, lavoro altrove.
Ebbene, su tutte le istituzioni di questo mondo è evidente il cartello: “Imminente cessazione delle attività. La fine è vicina”. Si, il mondo passa, ci assicura la Bibbia, perciò, saggiamente, non adotteremo come modelli di comportamento i personaggi che ne sono parte integrante.

Adesso avete sentito il “consiglio”. Cosa farete ora? rifiuterete o meno?

Alcuni giustificano frequentare l’università citando l’esempio dei figli di anziani che stanno o hanno frequentato l’università. Noi non possiamo e non vogliamo dirvi cosa fare. Voi e i vostri genitori dovete prendere la decisione. Noi non siamo i signori sulla vostra fede.

Comunque, lo “Schiavo Fedele e Discreto” è responsabile di mettere in guardia contro i pericoli spirituali e di incoraggiare a mettere gli interessi del regno al primo posto.

Quindi lo Schiavo scoraggia a frequentare l’università per un lungo periodo di tempo.

Vai all’articolo integrale su http://www.infotdgeova.it/varie/losch.php

03/01/2013 Posted by | Testimoni di Geova | , , , | Lascia un commento

Koinonia Giovanni Battista

ATTENZIONE: La presentazione visualizzata è caricata sul sito SlideShare. Se la si visualizza sul sito SlideShare, al termne della presentazione vengono proposte altre presentazioni che NON SONO del GRIS e i cui contenuti e scopi possono essere persino contrari ai principi che ispirano la nostra attività.

20/12/2012 Posted by | Koinonia Giovanni Battista | , , , , | Lascia un commento

La gabbia di divieti

Il testimone di Geova medio viene scoraggiato dall’autodeterminarsi facendo delle scelte autonome e viene invitato prima di fare delle scelte a consultare le pubblicazioni della Società per sapere cosa può fare e cosa non può fare. I testimoni di Geova sono sottoposti a molte regole e divieti gravosi.

La regolamentazione della condotta del testimone di Geova è particolarmente minuziosa e pedantesca; molte attività quotidiane sono rigidamente scandite, predeterminate dal Corpo Direttivo, e molti comportamenti che sono considerati del tutto normali e legittimi nella società moderna, nel geovismo sono ritenuti scorretti, non appropriati per un cristiano e quindi proibiti, talvolta, pena l’espulsione o “disassociazione” ad opera di un “tribunale giudiziario” a porte chiuse. Vediamo il “talmud invisibile dei Testimoni di Geova” o “attività scoraggiate o vietate” (soggette a variazioni arbitrarie del Corpo Direttivo geovista!):

  • Non possono salutare la bandiera. (Salvezza 1939 p. 253; TdG 1/7/77 p. 415)
  • Non possono comprare, accettare o detenere qualsiasi oggetto o simbolo religioso, né indossarlo (TdG 1/11/72 p. 647, 648; Sv 22/2/77 p. 28/30; Ks. 91 p. 85)
  • Non mangiare della mortadella o dei würstel (Sangue medicina e legge di Dio, 1969, p.12)
  • Non possono in alcun modo partecipare ad alcuna attività promossa da organizzazioni religiose come servizi funebri (TdG 1970 p. 735 e 1/7/68 p. 413; Verbale del 7/3/86)
  • Non possono partecipare a matrimoni, battesimi, cresime ecc., (TdG 1/10/61 p. 607 e 15/7/65 p. 444; circolare 6/7/79; Ks. 91 p. 95)
  • Non possono celebrare il Natale, la Pasqua, i compleanni né gli onomastici, la festa della mamma, del papà, il giorno di S. Valentino, il 1° maggio, i morti (TdG 1/12/68 p. 735 e, 15/12/91 p. 4;Sv. 8/10/56 pp, 24-26;Annuario 1976 p. 146; Ks. 91 p. 95)
  • Non si può ricordare la nascita di Cristo (“La verità che conduce alla vita eterna”, 1968 p.447)
  • Non si può festeggiare il compleanno (TdG 1/9/92 pp. 30-31; opuscolo, “I Testimoni di Geova e la scuola”, pp 17-18).

continua…

 

articolo completo sul sito del GRIS di Imola:

http://www.gris-imola.it/sette_cristiane/Lagabbiadidivieti.php

14/12/2012 Posted by | Testimoni di Geova | , , , | Lascia un commento

La Procura indaga sul caso Laggetta

La Procura della Repubblica di Lecce ha aperto due fascicoli, per far luce sull’attività di Tony Laggetta, il panettiere di 25 anni di Carmiano, che guida il gruppo “Calvario di Gesù Crocifisso”, professandosi prescelto dal Signore.

http://www.leccesette.it/dettaglio.asp?id_dett=10361&id_rub=58

 

14/12/2012 Posted by | Presunti mistici e fenomeni correlati | , , , | 2 commenti

NOTIFICAZIONE SUGLI SCRITTI DEL P. ANTHONY DE MELLO

Anthony de melloIl Padre gesuita indiano Anthony de Mello (1931-1987) è molto noto a motivo delle sue numerose pubblicazioni che, tradotte in diverse lingue, hanno raggiunto una notevole diffusione in molti paesi, anche se non sempre si tratta di testi da lui autorizzati. Le sue opere, che hanno quasi sempre la forma di brevi storie, contengono alcuni elementi validi della sapienza orientale che possono aiutare a raggiungere il dominio di sé, rompere quei legami e affetti che ci impediscono di essere liberi, affrontare serenamente i diversi eventi favorevoli e avversi della vita. Nei suoi primi scritti in particolare, P. de Mello, pur rivelando evidenti influssi delle correnti spirituali buddhiste e taoiste, si è mantenuto ancora all’interno delle linee della spiritualità cristiana. In questi libri egli tratta dei diversi tipi di preghiera: di petizione, di intercessione e di lode, nonché della contemplazione dei misteri della vita di Cristo, ecc.

Ma già in certi passi di queste prime opere, e sempre di più nelle sue pubblicazioni successive, si avverte un progressivo allontanamento dai contenuti essenziali della fede cristiana. Alla rivelazione, avvenuta in Cristo, egli sostituisce un’intuizione di Dio senza forma né immagini, fino a parlare di Dio come di un puro vuoto. Per vedere Dio non c’è che da guardare direttamente il mondo. Nulla si può dire su Dio, l’unica conoscenza è la non conoscenza. Porre la questione della sua esistenza, è già un nonsenso. Questo apofatismo radicale porta anche a negare che nella Bibbia ci siano delle affermazioni valide su Dio. Le parole della Scrittura sono delle indicazioni che dovrebbero servire solo per approdare al silenzio. In altri passi il giudizio sui libri sacri delle religioni in generale, senza escludere la stessa Bibbia, è anche più severo: esse impediscono che le persone seguano il proprio buonsenso e le fanno diventare ottuse e crudeli. Le religioni, inclusa quella cristiana, sono uno dei principali ostacoli alla scoperta della verità. Questa verità, d’altronde, non viene mai definita nei suoi contenuti precisi. Pensare che il Dio della propria religione sia l’unico, è, semplicemente, fanatismo. «Dio» viene considerato come una realtà cosmica, vaga e onnipresente. Il suo carattere personale viene ignorato e in pratica negato.

Padre de Mello mostra apprezzamento per Gesù, del quale si dichiara «discepolo». Ma lo considera come un maestro accanto agli altri. L’unica differenza con gli altri uomini è che Gesù era «sveglio» e pienamente libero, mentre gli altri no. Non viene riconosciuto come il Figlio di Dio, ma semplicemente come colui che ci insegna che tutti gli uomini sono figli di Dio. Anche le affermazioni sul destino definitivo dell’uomo destano perplessità. In qualche momento si parla di uno «scioglimento» nel Dio impersonale, come il sale nell’acqua. In diverse occasioni si dichiara irrilevante anche la questione del destino dopo la morte. Deve interessare soltanto la vita presente. Quanto a questa, dal momento che il male è solo ignoranza, non ci sono regole oggettive di moralità. Bene e male sono soltanto valutazioni mentali imposte alla realtà.

Coerentemente con quanto esposto finora, si può comprendere come secondo la logica dell’autore qualsiasi Credo o professione di fede sia in Dio che in Cristo non può che impedire l’accesso personale alla verità. La Chiesa, facendo della Parola di Dio nelle Sacre Scritture un idolo, ha finito per scacciare Dio dal tempio. Di conseguenza essa ha perduto l’autorità di insegnare nel nome di Cristo.

Al fine pertanto di tutelare il bene dei fedeli, questa Congregazione ritiene necessario dichiarare che le posizioni suesposte sono incompatibili con la fede cattolica e possono causare gravi danni.

Il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, nel corso dell’Udienza accordata al sottoscritto Prefetto, ha approvato la presente Notificazione, decisa nella Sessione Ordinaria di questa Congregazione, e ne ha ordinato la pubblicazione.

Roma, dalla sede della Congregazione per la Dottrina della Fede, 24 giugno 1998, solennità della Natività di san Giovanni Battista.

Joseph Card. Ratzinger
Prefetto

+Tarcisio Bertone, S.D.B.
Arcivescovo emerito di Vercelli
Segretario

http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_19980624_demello_it.html

09/12/2012 Posted by | Documenti | , , | Lascia un commento

Russell e la piramide

 

Il monumento funebre di C. T. Russell a forma di piramide

Nel libro I Testimoni di Geova: Proclamatori del Regno di Dio, alle pagine 200, 201, in un breve riquadro sono elencate alcune “Usanze che sono state abbandonate”. Con non chalance e quasi come se si trattasse di cosa di poca o nulla importanza, accanto ad un’illustrazione della piramide di Giza, un trafiletto informa il lettore che:

“Per circa 35 anni il pastore Russell aveva pensato che la Grande Piramide di Giza rendesse testimonianza a Dio, confermando i periodi di tempo biblici. (Isa. 19:19) Ma i testimoni di Geova hanno abbandonato l’idea che una piramide egizia avesse a che fare con la vera adorazione. (Vedi “La Torre di Guardia” inglese del 15 novembre e 1° dicembre 1928)”.

Ben poco, non è vero? Viene detto semplicemente che il pastore Russell credeva nella piramide ma che i testimoni di Geova non ci credono più. Già il sistema denota lo stile tipico della Società: Quando qualcosa è favorevole all’organizzazione, in tal caso si dice (come per il 1914, per esempio) che “gli Studenti Biblici già da tempo avevano compreso …”. Quando ci si vuole sbarazzare di un insegnamento, allora a crederci non sono gli “Studenti Biblici”, ma solo “il pastore Russell”. Noi sappiamo, però, e ne abbiamo fornito abbondanti prove, che non v’era credenza degli Studenti Biblici che non provenisse da Russell e, quindi, non era Russell a credere nella piramide, ma l’intera organizzazione. Ma come andarono in realtà le cose? Così come l’argomento viene attualmente presentato dal Corpo Direttivo nelle sue pubblicazioni, può sembrare quasi che si trattasse di una bizzarria di Russell, un’originalità di poca importanza. Ma un’attenta lettura dei suoi scritti rivela un quadro del tutto diverso. Nel terzo volume degli Studi sulle Scritture, (1890) intitolato Venga il tuo Regno, vi è un intero capitolo dedicato alla Grande Piramide. Fra le cose in esso contenute, vi sono le seguenti dichiarazioni:

“Noi ancora crediamo che la struttura di questa Piramide, così diversa da tutte le altre piramidi, sia stata stabilita dal Signore allo scopo di farne una Piramide e un testimone sia in Egitto che ai suoi confini. (Isa. 19:19) … Mentre l’ulteriore, corroboratrice evidenza provveduta dalla Grande Piramide alla scritta Parola di Dio sarà un motivo in più per far gioire i santi, è chiaro che la sua testimonianza servirà specialmente per il mondo del genere umano durante l’età del millennio”.
Fonte (su cui leggere l’articolo completo): http://www.infotdgeova.it/piramide.php

 

09/11/2012 Posted by | Testimoni di Geova | , , , | Lascia un commento