G.R.I.S. Taranto

Gruppo di ricerca e di informazione socio religiosa

Convegno a Taranto “Sopravvivenza e vita eterna”

971452_533747843355272_2049274116_n

I giorni 14-15-16-17 Novembre 2013 si terrà a Taranto il solito convegno spiritista del movimento “Sopravvivenza e vita eterna” organizzato dalla sig.ra Gemma Cometti. Un cattolico non dovrebbe prendere parte a queste manifestazioni condannate dal Magistero:

 

Dichiarazione del Sant’Uffizio (04/08/1856):

 Illecita, ereticale e scandalosa, la pratica di evocare le anime dei morti, riceverne responsi.

 Catechismo Maggiore di san Pio X (14/06/1905):

 (N°366) Domanda: È lecito interrogare le tavole cosiddette parlanti o scriventi, o consultare in qualunque modo le anime dei trapassati mediante lo spiritismo?

Risposta: Tutte le pratiche dello spiritismo sono illecite, perché superstizione, e spesso non immuni da intervento diabolico, e perciò furono dalla Chiesa giustamente proibite.

 

 Catechismo della Chiesa Cattolica (11/10/1992):

 N°2116: Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che «svelino» l’avvenire. La consultazione degli oroscopi, l’astrologia, la chiromanzia, l’interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium manifestano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l’onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo.

 N°2117: Lo spiritismo spesso implica pratiche divinatorie o magiche. Pure da esso la Chiesa mette in guardia i fedeli.

Conferenza episcopale Toscana (01/06/1994):

 La peggiore e più grave espressione di divinazione è la necromanzia o spiritismo, ossia il ricorso agli spiriti dei morti per entrare in contatto con loro e svelare il futuro o qualche suo aspetto. Le sedute spiritiche appartengono a questo genere di magia. In tali sedute i partecipanti e i medium (edizione moderna degli antichi necromanti) si prodigano nell’invocazione delle anime dei defunti (ad esempio presunte registrazioni di voci dall’oltretomba); in realtà essi introducono una forma di alienazione dal presente e operano una mistificazione della fede nell’aldilà, generalmente con trucchi, agendo di fatto come strumenti di forze del male che li usano spesso per fini distruttivi, orientati a confondere l’uomo e ad allontanarlo da Dio.

– Conferenza episcopale Emilia Romagna (23/04/2000):

 Alla crisi ideologica dello spiritismo oggi sembra subentrare, almeno in Italia, una forma di evocazione degli spiriti ritenuta più compatibile con la religione, meno polemica con la Chiesa stessa, anzi più alla ricerca di dialogo e di consenso da parte della gerarchia ecclesiastica. A conferma della presunta ortodossia viene portato il fatto che ai movimenti aderiscono e vi operano, oltre laici e laiche di chiara estrazione cristiana, religiosi e sacerdoti, tra i quali alcuni notissimi per l’attività che svolgono all’interno della comunità cristiana. In alcuni di questi incontri è stata celebrata anche la messa. Ma non basta a garantire la legittimità di queste iniziative la presenza di sacerdoti, i quali sempre sono tenuti a chiedere al vescovo l’autorizzazione, che non si vede del resto come sia possibile concedere.

 Pertanto, invitiamo tutti i fratelli credenti, a non prendere parte ad una simile manifestazione ed a condividere questa nota per una più larga diffusione. Invitiamo anche i fratelli sacerdoti a condividere ed a mettere in guardia i fedeli.

Annunci

17/06/2013 Posted by | Conferenze 2013 | , , , , , | Lascia un commento

I convegni dell’associazione “Sopravvivenza e vita eterna”

“Sopravvivenza e vita eterna” nasce dall’esperienza paranormale di Gemma Cometti,  che cerca di comunicare con il figlio Davide, morto, in un incidente subacqueo, nell’agosto del 1978, con la metafonia, cioè la captazione, mediante l’uso di un registratore o anche della radio, di parole e frasi di senso compiuto, non provenienti dall’ambiente circostante, o dalle emittenti radiofoniche e che si suppone provengano dal mondo ultraterreno

La voce di Davide spingerebbe la madre a scrivere diversi libri (“I nostri figli”, “Non parlo con i morti ma con i vivi”, “I nostri figli ci parlano ancora”, etc.) che, oltre a narrare l’esperienza della Cometti, avrebbero lo scopo di confortare coloro che sono stati colpiti da un lutto, rassicurandoli sulla sopravvivenza dell’anima. Secondo la Cometti, le “anime disincarnate” subirebbero una metamorfosi in un processo evolutivo di perfezionamento metafisico[1] e, sempre queste “voci” , l’avrebbero spinta ad organizzare convegni sul tema della comunicazione con i defunti, che porteranno, poi, alla costituzione di un’associazione denominata “Sopravvivenza e vita eterna”.

L’associazione, pur definendosi aconfessionale, non disdegna la presenza di rappresentanti della Chiesa Cattolica, ad esempio sacerdoti come padre Pasquale Ulderico Magni e don Sergio Messina, che sono da anni assidui frequentatori e relatori dei convegni organizzati dalla Cometti. Esaminando, infatti, il programma di quest’anno e quello degli anni scorsi, è evidente l’intento di una costruzione sincretista tipica del New age. Quest’anno il convegno inizia con la relazione di Barbara Amadori, che si presenta come una “channeller”, termine utilizzato nel new age per indicare un medium, oppure con l’intervento di Luigi Cama, ricercatore di fenomeni paranormali, con il tema: “ La transcomunicazione[2] – voci, immagini e messaggi dall’aldilà”.

È chiaro che,  sebbene l’associazione non si definisca “medianica ed esoterica”[3], i fatti documentano ben altro. I fenomeni rappresentati nei convegni, come quelli sopra citati, sono indiscutibilmente di natura medianica, mentre, potremmo tentare di essere d’accordo  sulla questione esoterica, certamente analizzando la questione sotto profili diversi. Il termine esoterismo indica dottrine e conoscenze segrete rivelate ad un cerchio ristretto di persone denominate “iniziati” o “adepti”. Se consideriamo che in questi convegni non c’è nulla di segreto, in quanto sono aperti a tutti coloro che si iscrivono, allora, effettivamente, potremmo affermare che non c’è nulla di segreto o di esoterico, tuttavia, il Catechismo della Chiesa Cattolica, ai numeri 2116-2117 collega lo spiritismo alla magia e la magia è certamente un’espressione esoterica che va contro l’insegnamento della Chiesa.[4]

Andando sul sito dell’associazione,  alla voce “news”, si può notare la sponsorizzazione di un seminario sulle “regressioni” tenuto da Emanuela Pompas [5], tra l’altro, più volte relatrice ai convegni organizzati dalla signora Cometti. Emanuela Pompas è Giornalista (per 30 anni redattrice di Gioia), è considerata una delle maggiori divulgatrici nel campo della ricerca psichica e della New Age in Italia, affrontando le tecniche legate alla psicologia (ipnosi, rilassamento e visualizzazione, rebirthing), le medicine naturali (omeopatia, agopuntura, medica ayurvedica ecc.) e le discipline umanistiche (bioenergetica, gestalt, tecniche corporee, psicologia transpersonale). Ha cercato di indagare nei campi legati alla conoscenza profonda dell’individuo, in un percorso parallelo a quello degli studiosi americani, che hanno tralasciato lo studio dei fenomeni paranormali per approfondire lo sviluppo del potenziale umano.
Da oltre trent’anni conduce corsi di meditazione, regressione nelle vite passate, sviluppo della sensitività.
Inoltre è operatrice di PMT e di Theta Healing. È presidente dell’ass. Karma Institute. È  autrice di libri come “Reincarnazione, una vita, un destino”, edito da Anima edizioni, “Siamo tutti sensitivi”, edito da Tecniche Nuove Edizioni,  “Reincarnazione” e“Medianità”, editi da Sperling & Kupfer Editori. Alla luce di questo, possiamo ancora credere che l’associazione non sia di ispirazione medianica?[6]

Certamente sono ospiti del convegno illustri personaggi del mondo scientifico, come Claudio Pagliara, oncologo, ed Enrico Pierangeli, neurochirurgo ed oncologo, questo, però, non è sufficiente ad accreditare il convegno come scientifico, in quanto la comunità scientifica non ha mai riconosciuto come autentiche certe tematiche, come del resto accade anche per le religioni ufficiali. È contraddittoria anche la presenza di sacerdoti, per un’associazione che si definisce aconfessionale e poi, tra i temi proposti, infila “Cultura e spiritualità – Concilio Vaticano II “Gaudium et spes  59/1514”.[7]

È lecito, quindi, chiedersi, che malgrado l’associazione non si definisca medianica, oggettivamente lo sia? Oppure, pur ritenendosi aconfessionale, cerchi  in qualche modo l’approvazione nella Chiesa Cattolica?

Sebbene le motivazioni che hanno originato questi convegni e la fondazione dell’associazione siano meritori e nobili e, pertanto, condivisibili da un punto di vista umano e cristiano (sempre le motivazioni), non credo che la Chiesa possa, invece, condividere le dottrine e le teorie che vengono postulate perché, malgrado l’associazione lo neghi, sono sicuramente di ispirazione spiritista e new age.

                                                                                                                    Luigi Corrente

Presidente diocesano del G.R.I.S. di Taranto

e Consigliere Nazionale


[1] Cfr http://www.sopravvivenzaevitaeterna.it/sve/Benvenuto.html

[2] Per transcomunicazione si intende l’insieme dei metodi per comunicare con i defunti attraverso strumenti tecnologici come radio, televisione etc.

[4] Cfr. CCC n°2116-2117

08/11/2012 Posted by | Documenti | , , , , , , , , | Lascia un commento